Il Circolo

Chiudi 1) L'Associazione

Chiudi 10) LINK AMICI

Chiudi 11) LE INTERVISTE DEL CIRCOLO

Chiudi 12 - MANIFESTAZIONI ORGANIZZATE DAL CIRCOLO

Chiudi 2) 4° Bando Letterario Città di Montieri 2008

Chiudi 2) 5° Bando Letterario Città di Montieri 2009

Chiudi 2) Bando Città di Montieri - Gli Sponsor - Dove alloggiare

Chiudi 2) Bando Città di Montieri - Gli Sponsor esterni

Chiudi 2) Bando Città di Montieri 2007

Chiudi 2) Bando Letterario Città di Montieri 2011

Chiudi 2) Bando Letterario: Come arrivare a Boccheggiano

Chiudi 2) Finalisti Bandi anni precedenti

Chiudi 3) BANDI ARTISTICI E VARIE

Chiudi 3) BANDI LETTERARI INTERNAZIONALI

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI - Finalisti

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI IN VERNACOLO

Chiudi 3) PORTALI DI CONCORSI LETTERARI

Chiudi 4) La Stampa ed il Circolo: dicono di noi

Chiudi 5) SCRITTORI AMICI - Volume di Poesie di Santoro

Chiudi 5) Scrittori amici e recensioni volumi

Chiudi 5) Scrittori amici e recensioni volumi

Chiudi 6) Artisti amici del Circolo

Chiudi 6) CRITICO I CRITICI - Carta dei diritti Internet

Chiudi 6) CRITICO I CRITICI - di Santoro Salvatore Armando

Chiudi 7) WEEKEND DI POESIA

Chiudi 8) Saggi e Recensioni

Chiudi 9) PERSONAGGI

Chiudi Avvenimenti e manifestazioni

Chiudi BANDO LETTERARIO INTERNAZIONALE DI POESIA, NARRATIUVA E SAGGISTICA VERETUM

Chiudi LA PAGINA DELLA POESIA: Selezione delle migliori poesie italiane di autori famosi e di dielttanti

Chiudi LETTERATURA ITALIANA - Dizionario etmologico

Chiudi METRICA E DINTORNI

Chiudi POESIA CONTEMPORANEA

Chiudi POESIA DEL NOVECENTO ITALIANO

Chiudi TUTTE LE POESIE DI SANTORO

Chiudi Tatti: un vecchio borgo, una dolce poesia.

LETTURA ITALIANA E STRANIERA, INFORMATICA E VARIE
Visite

   visitatori

   visitatori in linea

news.gifNews

L'ACQUA: UN BENE PREZIOSO DA TUTELARE - da Salvatore Armando Santoro

L'ACQUA: BENE DA TUTELARE

Ogni volta che fate una bella fritturina di pesce, i fiori di zucchine in pastella, e le mille prelibatezze che la nostra antica  arte culinaria mediterranea ci ha tramandato, fate andare un bel po' d'olio che poi, non sapendo bene dove andarlo a buttare, finisce nel lavandino o nel water... e purtroppo questo provoca dei danni enormi al nostro bene più prezioso, l'acqua.

La proporzione è 1 litro d'olio usato rende non potabile 1 milione di litri di acqua, cioè quello che serve ad una persona per 14 anni, crea una patina che ostacola l'ossigenazione dell'acqua nei fiumi e nei laghi compromettendone la vita,  rovina scrichi e tubature, anche dove esistano impianti di depurazione, e va ricordato che l'olio vegetale può essere riciclato per creare sapone e biodiesel senza impegnare vasti territori in monocolture che danneggiano l'ambiente tanto quanto l'estrazione del petrolio. Senza contare il gran risparmio per tutti.

A me questa cosa fa rabbrividire un bel po', anche se non friggo un gran chè, mi sa che un litro d'olio ogni tanto lo colleziono e senza volere faccio davvero un gran danno.

Insomma, mi sono messa a leggere un po' di informazioni su internet e mi sono resa conto che non è neanche un gran lavoro raccoglierlo e portarlo negli eco-centri (ne avete sentito parlare vero? Se no sul sito dell'AMIAT trovate tutte le informazioni, potete anche chiamarli!)

Basta trovare un cantuccio sul balcone o in sgabuzzino dove mettere da parte il raccoglitore (bottiglie , taniche o altro recipiente adatto, non di vetro mi raccomando) e poi andarlo a consegnare negli eco-centri.

Ancora meglio se insieme all'olio raccogliete separatamente le pile usate o i toner e cartucce di stampanti e quei rifiutini che tanto inquinano e che non sappiamo bene che farne!

Basta una piccola buona abitudine e impegnarsi una volta al mese per andare a consegnare il tutto. Sono aperti anche di sabato.

Addirittura per i pigri organizzabili si potrebbe coordinare un gruppo i cui componenti a turno possano occuparsi del servizio (tipo i GAS, potremmo nominarlo GRE, gruppo di raccolta ecologica... o come vi pare), cosi' si ottimizza pure sull'inquinamento dell'aria causato dagli scarichi delle auto (che, ricordate, non sono mai davvero ecologiche).

Intanto vi mando il vademecum dell'AMIAT di Torino, che è utile leggere e seguire, e cosiglio di visitare il sito.

Credo che si cominci ad essere buoni cittadini partendo da azioni consapevoli e utili alla comunità e di riflesso a sè stessi, per non restare semplicemente a lamentarsi pieni di frustrazione quando non possiamo fare il bagno a mare, ci riempiamo di bolle per reazioni allergiche inspiegabili, spendiamo poi tanti soldi i farmaci che invece potremmo sperperare in vacanze meravigliose in luoghi paradisiaci.

Utilizzare questi servizi ,insieme ad alcune semplici piccole buone pratiche, è importante per farli sopravvivere a beneficio dell'ambiente, cioè del nostro habitat, cioè della nostra vita, altrimenti scompaiono e il danno è solo nostro.

Spero di aver mosso le vostre corde e se qualcuno più informato vuole aggiungere qualcosa ben venga!

diffondete, raccontate, parlate di queste cose, create la mentalità e la cultura del buon vivere, aiutiamoci a migliorare il nostro stile di vita

Annalisa Vivino

(che ha divulgato una informativa messa in rete da Vera Ambra).

....... Ed io aggiungo ancora qualcosa sul risparmio dell'acqua:

Quando vi lavate i denti è inutile far scorrere l'acqua del rubinetto a vuoto. Aprite il rubinetto quando dovete bagnare o lavare lo spazzolino. Stessa operazione quando siete sotto la doccia. Mentre vi insaponate con la spugna perchè far scorrere l'acqua? Fatelo quando effettivamente ci state sotto.

E quando dovete lavare i panni, non fatelo uno alla volta (salvo proprio che non vi serva quel tipo di indumento). Ma accumulate i panni sporchi in lavatrice e fatela girare quando avrete un carico completo.

Il risparmio d'acqua conseguito lo verificherete anche praticamente sulla bolletta della fornitura idrica a fine anno.

Salvatore Armando Santoro

 


Nucleare: io sto con Rubbia - da MicheleRaspanti

Vorrei invitare tutti alla riflessione su un argomento che sta tornando prepotentemente di moda in questi giorni: il problema energetico, con particolare enfasi sulla necessità di un ritorno all'energia nucleare.
Al di là di tutti commenti sul fatto che negli anni '80 è già stato fatto un referendum che ha avuto come risultato un voto contrario al nucleare, vorrei richiamare l'attenzione su una intervista al Prof. Carlo Rubbia (premio Nobel per la Fisica), apparsa a pag. 25 de La Repubblica del 30 marzo 2008.
Ebbene, a dispetto di tutti i sedicenti esperti che si esprimono in materia, io preferisco credere a ciò che dice una persona che, senza ombra di dubbio, ha una enorme conoscenza in materia di fonti energetiche.
Per darvi un'idea di cosa si parla, ho sintetizzato brutalmente il contenuto dell'intervista in alcune frasi del Professor Rubbia, estrapolate dall'articolo:
"[...] Non esiste un nucleare sicuro, o a bassa produzione di scorie
[...] l'uranio è destinato a scarseggiare entro 35-40 anni
[...] Sa quando è stato costruito l'ultimo reattore (nucleare) in America ? Nel 1979, 30 anni fa
[...] Sa quanto conta il nucleare nella produzione energetica francese ? Circa il 20 per cento.
[...] Ma i costi altissimi dei loro (dei francesi) 59 reattori sono stati sostenuti di fatto dal governo, dallo Stato, per mantenere l'arsenale atomico
[...] Il carbone è la fonte energetica più inquinante, più pericolosa per la salute dell'umanità
[...] il petrolio e gli altri combustibili fossili sono in via di esaurimento
[...] Dobbiamo sviluppare la più importante fonte energetica che la natura mette da sembre a nostra disposizione, senza limiti, a costo zero: e cioè il sole, che ogni giorno illumina e riscalda la terra
[...] un ipotetico quadrato di specchi (solari), lungo 200 chilometri per ogni lato, potrebbe produrre tutta l'energia necessaria all'intero pianeta. E un'area di queste dimensioni equivale appena allo 0,1 per cento delle zone desertiche del cosiddetto sun-belt
[...] Il sole non è soggetto ai monopoli. E non paga la bolletta.

EOLO, L'AUTO AD ARIA COMPRESSA, CHE FINE HA FATTO? - da Salvatore Armando Santoro

EOLO, L'AUTO AD ARIA COMPRESSA A ZERO COSTI E NON INQUINANTE, CHE FINE HA FATTO?
E' una bufala o le multinazionali del petrolio ci hanno messo lo zampino? Perché il Governo non ne parla?

E' proprio vero che era già stato costruito uno stabilimento per produrla in Italia?
Vi rimando al portale sotto indicato per l'approfondimento completo su questa auto rivoluzionaria scomparsa nel nulla.


La storia delle cose - da Francesco Galgani

LA STORIA DELLE COSE

Voglio segnalarvi un interessante documentario (20 minuti), doppiato in italiano, che riesce con estrema semplicità a spiegare perché il sistema produttivo attuale è destinato al collasso:

URL: http://www.nopil.it/2008/04/la-storia-delle-cose.html


Nella pagina principale del sito, è presente anche una breve introduzione al "signoraggio", di importanza cruciale per il nostro sistema economico, ma di cui solitamente nessuno parla.


Per rendere più esplicito il concetto vi riporto una espressione utilizzata molti anni indietro da Henry Ford:

"Meno male che la popolazione non capisce il nostro sistema bancario e monetario, perché se lo capisse, credo che prima di domani scoppierebbe una rivoluzione."


Francesco Galgani
www.galgani.it


LA VERGOGNA DI VERGOGNARCI - Olimpiadi in Cina - da Salvatore Armando Santoro

LE OLIMPIADI DELLA VERGOGNA

(Ore 8,28 del 12/5/08: terremoto di 7,8° Richter nel Sichuan: 12000 morti, forse più.
Mentre ascoltavo le notizie di questo nuovo disastro naturale avvertito in tutto il pianeta a meno di tre mesi dalle discusse olimpiadi di quest'anno, avevo appena scritto queste considerazioni sull'argomento. Decido di mandarvele ugualmente perché intravedo, in ambedue le vicende, un legame profondo fra il sacro, il profano e la coscienza di ognuno di noi.
Leggete o cestinate la mail, secondo ciò che vi detta la vostra.)
 
Non ho mai creduto che lo sport fosse incontaminato e puro, ma chi come me per mesi, o anni, si è magari alzato ogni giorno alle 5 e mezza del mattino per compiere 40 giri di pista di atletica prima delle 7 o altrettante vasche in piscina, farsi torturare poi da un massaggiatore e pagare anche per questo,  prima di recarsi a scuola, puntuale, pulito profumato e ben vestito alle 8,30... chi fa o ha fatto ciò non si è mai chiesto il perché. Né si è mai sentito più furbo o più stupido degli altri per averlo fatto.
Lo si fa per passione, perché è bello, perché si sogna, si vive, si ama quello che si fa.
Perché si è giovani e i giovani sono l'energia, il futuro. Sono l'unico vero patrimonio che abbiamo.
Oggi, ci accorgiamo purtroppo che questa globalizzazione altrettanto discussa, giusta perché "inevitabile e democratica" e ingiusta perché esclusivamente legata al "fattore denaro", quindi perché "inevitabile e antidemocratica", nel suo paradosso ci sta privando anche di questo: il senso/sogno/illusione  della bellezza e della purezza delle nostre passioni e dei nostri ideali.
Oggi il mondo più guarda al futuro più diventa vecchio. Come noi. Come l'ultima isola della gioventù e dei valori, o almeno del simbolo di tutti i valori: le olimpiadi.
 
Questo è l'anno della svolta, perché le olimpiadi di quest'anno sono così integrate nell'ingranaggio globale da inaugurare una nuova era, portando nelle tasche degli operatori più soldi diretti e indotti degli europei di calcio, dei mondiali, di qualunque altra manifestazione o iniziativa si possa mai immaginare: una forza mediatica ed economica immane, dirompente, che travolge tutto e che nessuno può fermare, al cui cospetto i 30 o 300mila morti della Birmania sono un piccolo insignificante formicaio.
 
Mi chiedo ora: se ci tolgono anche lo sport, cosa ci resta? La partita del cuore per lavare la nostra coscienza con due euro e farci credere che il mondo è buono, quando basterebbe sacrificare un millesimo di euro sul litro del greggio per fare migliaia di case e scuole in più? Perché ci lamentiamo ipocritamente se i giovani si picchiano e ammazzano o si ammazzano, se si perdono nella droga, se non hanno più certezze e sembrano sempre più sperduti, confusi, arrabbiati, aggressivi e senza ideali? Cosa racconteremo ai nostri bambini coccolati, esaltati dalle "dinamiche mentali" dei padri o spersonalizzati dalle femminilità incombenti delle madri, stressati da ritmi impossibili, da zaini assurdi, pubblicità martellanti, regole incomprensibili,  genitori e insegnanti frustranti che hanno fatto della competitività individuale, prima che della valorizzazione della attitudini, l'unica ragione di vita, in una società in cui solo "denaro è bello"?
Solo il denaro. E il resto? Signori, il resto senza denaro è roba da "falliti": cultura, onestà, senso civico, educazione, comunicazione, la stessa solidarietà, valgono solo se "rendono". Invece di insegnare l'amore e il rispetto per  il prossimo li educhiamo a curiosare nelle case mentre noi curiosiamo nelle tasche altrui, gli raccontiamo le nuove regole della pubblicità e di internet,  prima o poi li vestiremo anche di bianco blu e arancione, confondendoli sempre più in questo mondo "tutto intorno a loro", che fin dal primo giorno di vita è talmente intorno a loro da omologarli e stritolarli, fino a colpirli un domani magari all'uscita da una discoteca.
 
Soprattutto mi chiedo: come è possibile che siamo talmente consapevoli del nostro senso di impotenza e di schiavitù che dopo la prima istintiva reazione ci zittiamo, dimentichiamo e non siamo neanche più capaci di dire: mi vergogno? Anzi, ci vergogniamo persino di parlare.  Ci vergogniamo al punto che preferiamo far finta di nulla: meglio sembrare indifferenti e cinici piuttosto che portatori dell'inutile protesta, esporsi a critiche, ironie, smorfie di superiorità e scherno come quelle che molti rivolgeranno all'autore di queste stesse parole . Meglio vergognarsi di vergognarsi, almeno è un fatto solo nostro, più "intimo". Non lo si potrà mai conoscere, umiliare, tassare...
E continuiamo ad aggiungere pessimo insegnamento a pessimo insegnamento, con la nostra consueta abilità ogni volta di "tirarcene fuori" grazie all'arte demagogica di generalizzare sulle "altrui cose", sulla società, sulla scuola, sugli immigrati, sul governo, sulle guerre... come sempre ci preoccupiamo degli effetti e non delle cause. Anche cambiare i significati "rende" sull'immediato, più che modificare i significanti "modificabili", perché quelli non modificabili, come il terremoto di ieri mattina in Cina, sono nelle mani del Signore.
 
Per tutti questi motivi, quando 5 mesi fa ricevetti la mail sottostante, dissi a chi me l'aveva mandata che centellinavo "attentamente la mia mailing list per non stressarla", che in quel periodo avevo invii importanti da fare e che avrei salvato la mail e l'avrei ripresa al momento opportuno. Perché io non sono migliore o peggiore di voi. La pubblicità in fondo alla pagina vuole provocatoriamente richiamare scontate critiche e dimostra che non mi nascondo dietro il dito della "madre delle epoche del paradosso". Perché solo questo dobbiamo fare: smetterla di essere ipocriti. Basterebbe forse cominciare a "metterci la faccia" sul serio, per cambiare qualcosa. E non so se quella persona abbia considerato quella mia risposta come una scusa, ma poiché credo che la parola debba avere un senso e che il momento opportuno sia questo, mantengo oggi la promessa. Non nascondo nemmeno che anche gli ultimi fatti del mondo, come ad esempio quelli della fiera del libro, mi abbiano spinto a inviare questa mail, facendomi riflettere su contestazioni "giuste" e contestazioni "stolte", riportando alla mente i ricordi degli anziani sui roghi di libri dei nazisti e mille immagini della storia distorte di vittime diventate carnefici e soprafazioni/delitti in nome della "propria" libertà. O, peggio ancora, di Dio.
 
Questo è l'anno della Cina, il suo tempo, sicuramente in anticipo sul dovuto, senza il rispetto per i necessari equilibri e per popoli più bisognosi di cibo e diritti. Così come tutti sono convinti dell'anomalia di queste olimpiadi  in una nazione indegna di rappresentare il progresso, la civiltà e quella nobiltà perduta che l'umanità deve assolutamente cercare di ritrovare per non autodistruggersi, ritengo però che nessuno possa dubitare del fatto che chiunque in Cina avrebbe preferito fare a meno di questa ulteriore "pubblicità" del sisma e spero, pur disincantato e senza una fiducia eccessiva,  che almeno per quel popolo maltrattato, questo meccanismo inarrestabile possa portare, invece che ulteriori conflitti e oppressioni,  dei benefici.
 
Mi limito quindi, mentre ancora risuonano le grida di un ulteriore disastro, a fare da passaparola per un'opinione che sostengo e condivido con questo stato d'animo, suggerendovi di non fermarvi al breve video, pur  "forte" e suggestivo, ma di guardare oltre. Me lo impone appunto la coscienza, ma lascio a voi e alla "vostra" coscienza il diritto del giudizio. Almeno quello, di diritto, non ce lo potrà mai togliere nessuno.
 
Questa è la mail, che vi inoltro come richiesto, sperando che la persona che me la inviò apprezzi d'essere citata:
 
...................................................
----- Original Message -----
Sent: Sunday, December 02, 2007 3:17 PM
Subject: ciao da roberta

Caro Cristiano lo scaricato da youtube un video che ti pregherei di estendere alla tua mail list. Si tratta di sollecitare la presa di posizione contro le olimpiadi 2008  in Cina, paese che vuole darsi rispettabilità agli occhi dell'occidente. Io ho aderito a questa campagna on line di sollecitare il no alla partecipazione alle olimpiadi della vergogna ,fai tu estendi o cestina dipende dalla tua coscienza, un saluto da Roberta
http://it.youtube.com/watch?v=84eY81G9Z24
Roberta Brandi
...................................................
 
 
un saluto da
Cristiano Sias 

StartPrecedente10 Pagine precedenti [ 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 ] SuccessivoFine
Sostieni il Circolo

ISCRIZIONI AL CIRCOLO 2018

QUESTO PORTALE HA UN COSTO DI GESTIONE SIA FINANZIARIO CHE DI IMPEGNO PERSONALE PER I RESPONSABILI DEL CIRCOLO CHE LO GESTISCONO.

CHI CI VOLESSE AIUTARCI POTREBBE ISCRIVERSI AL CIRCOLO VERSANDO LA QUOTA ANNUALE DI 10,00 EURO.

UN ALTRO SISTEMA PER CONTRIBUIRE ALLA COSTITUZIONE DI UN FONDO PER LA GESTIONE DEL CIRCOLO E' QUELLO DI ACQUISTARE I MIEI PRIMI LIBRI DI POESIE ("La sabbia negli occhi" e "Ad Occhi chiusi - Poesie d'amore"). IL 20% DEL COSTO DI COPERTINA (10 euro il primo e 15 il secondo) SARA' DEVOLUTO ALLA CASSA DEL CIRCOLO.

LA QUOTA DI ISCRIZIONE SARA' UNA RISORSA POSITIVA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA' DEL CIRCOLO E LA CORRISPONDENTE SOMMA POTRA' ESSERE DEDOTTA DALLA QUOTA DI LETTURA RICHIESTA A COLORO CHE PARTECIPERANNO ANNUALMENTE AL BANDO LETTERARIO.

Salvatore Armando Santoro - Presidente

Ricerca



Newsletter
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter. L'iscrizione implica l'aver preso visione e accettato l'Informativa sulla Privacy
Iscriviti
Cancella l'iscrizione
868 Iscritti

Su