Il Circolo

Chiudi 1) L'Associazione

Chiudi 10) LINK AMICI

Chiudi 11) LE INTERVISTE DEL CIRCOLO

Chiudi 12 - MANIFESTAZIONI ORGANIZZATE DAL CIRCOLO

Chiudi 2) 4° Bando Letterario Città di Montieri 2008

Chiudi 2) 5° Bando Letterario Città di Montieri 2009

Chiudi 2) Bando Città di Montieri - Gli Sponsor - Dove alloggiare

Chiudi 2) Bando Città di Montieri - Gli Sponsor esterni

Chiudi 2) Bando Città di Montieri 2007

Chiudi 2) Bando Letterario Città di Montieri 2011

Chiudi 2) Bando Letterario: Come arrivare a Boccheggiano

Chiudi 2) Finalisti Bandi anni precedenti

Chiudi 3) BANDI ARTISTICI E VARIE

Chiudi 3) BANDI LETTERARI INTERNAZIONALI

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI - Finalisti

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI IN VERNACOLO

Chiudi 3) PORTALI DI CONCORSI LETTERARI

Chiudi 4) La Stampa ed il Circolo: dicono di noi

Chiudi 5) SCRITTORI AMICI - Volume di Poesie di Santoro

Chiudi 5) Scrittori amici e recensioni volumi

Chiudi 5) Scrittori amici e recensioni volumi

Chiudi 6) Artisti amici del Circolo

Chiudi 6) CRITICO I CRITICI - Carta dei diritti Internet

Chiudi 6) CRITICO I CRITICI - di Santoro Salvatore Armando

Chiudi 7) WEEKEND DI POESIA

Chiudi 8) Saggi e Recensioni

Chiudi 9) PERSONAGGI

Chiudi Avvenimenti e manifestazioni

Chiudi BANDO LETTERARIO INTERNAZIONALE DI POESIA, NARRATIUVA E SAGGISTICA VERETUM

Chiudi LA PAGINA DELLA POESIA: Selezione delle migliori poesie italiane di autori famosi e di dielttanti

Chiudi LETTERATURA ITALIANA - Dizionario etmologico

Chiudi METRICA E DINTORNI

Chiudi POESIA CONTEMPORANEA

Chiudi POESIA DEL NOVECENTO ITALIANO

Chiudi TUTTE LE POESIE DI SANTORO

Chiudi Tatti: un vecchio borgo, una dolce poesia.

LETTURA ITALIANA E STRANIERA, INFORMATICA E VARIE
Visite

   visitatori

   visitatori in linea

5) Scrittori amici e recensioni volumi - Zucchi Aurelio


Aurelio Zucchi
VIAGGIO IN V CLASSE
C h r o n o s - Il Filo

“Viaggio in V classe” d’Aurelio Zucchi, con intelligente prefazione di Pietro Zullino, è il romanzo in questione. L’ Autore, alla sua prima prova letteraria, è il protagonista e l’io narrante di vicende tanto “normali” quanto nobilitate dalla scrittura e dal sentimento.
Il libro risulta essere solo a tratti “diario di bordo” di un gruppo di amici che frequentano tutti la stessa classe (la V B dell’Istituto Tecnico “A.Righi” di Reggio Calabria)  e condividono il destino di  giovani , appena usciti dall’ adolescenza,  inquieti per l’ incerto avvenire,  ma fiduciosi nelle proprie capacità  e determinati dal bisogno:  consapevoli delle difficoltà da superare e protesi verso l’agognata meta della maturità, restano sordi agli   echi della  contestazione  sessantottina, né si lasciano coinvolgere dalla rivolta della loro città scippata del capoluogo.
Zucchi, che si rivede come “un povero ragazzo ricco di vita” ma senza scarpe o abiti firmati, produce una fotografia esatta di luoghi e di persone reali, indicati coi loro nomi, fedelmente  sbalzati  col cesello di un’acuta analisi dei caratteri e col ricorso a quella parlata diretta, un po’ sguaiata e sopra le righe, di una “banda” in libera uscita , rotti  i  freni di una severa disciplina.  
Dalle pagine del romanzo emerge un’umanità varia, quasi edificante, vista certamente col metro di poi di chi, allevato al senso del dovere e alle responsabilità, rivisita, con sereno giudizio critico e non senza qualche groviglio nostalgico, episodi di una quotidianità quasi scontata, ma sempre ravvivata dal calore dell’amicizia, dalla complicità di gesti, segreti, marachelle, vissuti spesso nell’alveo di una trasgressione più pensata che attuata, in ogni modo mai debordante e greve.
Per tante pagine dedicate alla ricerca di senso  e di esperienze di vita, che hanno come costante l’allettante e misterioso mondo femminile, “Viaggio in V classe” si può considerare anche romanzo di formazione. Il viaggio “dentro” un’aula, con quanto vi accade di significativo, per l’Autore,  nei rapporti tra gli alunni e tra questi e i docenti,   apre scenari su  altre dimensioni.  Lo sguardo del protagonista, continuamente rivolto a cogliere, in ogni situazione, le emozioni e le ragioni dell’esistenza, proiettato già lontano ad esplorare possibili condizioni e realtà nuove, rappresenta metaforicamente il  lento e faticoso  distacco dall’età giovanile verso la maturità, non solo scolastica, con un futuro prossimo da costruire e non più da sognare.  
Nell’affollato panorama di personaggi e ambienti, Zucchi indaga anche il personale, difficile distacco dagli affetti e dai luoghi della fanciullezza per il trasferimento a Roma della famiglia. Da quel momento il ricordo di quel gruppo affiatato di amici che “andavano a piedi e sognavano le macchine rombanti”, sveglia  a tradimento sopite malinconie, ritma certezze di un tempo ritrovato  e, senza retorica,   scioglie canti a una passata  gioventù, coraggiosa e ottimista,   contenta di poco,  educata  all’impegno e ai buoni sentimenti.
“Viaggio in V classe “ è certamente il prodotto di un talento personale, ma i contenuti parlano di “valori”, più che enunciati, vissuti in sintonia da un’intera comunità, e di una scuola che spronava alla meta e manteneva le promesse.   Chi vuole intendere….intenda.   Grazie Aurè!

Dalla prefazione di Angela Ambrosoli


La scuola negli ultimi decenni è diventata il capro espiatorio di tutti i mali sociali. Tra riforme e “controriforme”, che si sono abbattute quasi annualmente sulla pelle degli alunni incolpevoli e, forse anche di più, su quella degli insegnanti, affannati a comprenderne disegni e significati, essa ha tuttavia retto all’inconsistenza e alla rozzezza di questo tempo dagli orizzonti annebbiati.
E forse la ragione sta nel fatto che tutta una generazione di insegnanti, ancora  forgiata alle sudate carte, agli ideali alti  della   professione  e al senso del dovere,  ha continuato a svolgere il suo compito, nonostante tutto:  guardando più alla pratica e all’ utile didattico,  che  a tante  contraddittorie  teorie (pseudo) socio-pedagogiche  “vocate” alla centralità dell’alunno,  ma in verità più attente  agli   “indottrinamenti”,  funzionali  soprattutto a  redditizie carriere politiche.  
Ce ne dà prova, e fa bene al cuore in questo contesto di totale disorientamento degli educatori, di sfiducia generale,  e del  “V - day” che non  fa distinguo,  un riuscito romanzo  che, attingendo a piene mani al  vissuto  personale dell’Autore, ci regala un piccolo affresco di  laboriosa e serena vita scolastica, neppure tanto lontana dall’oggi.


Aurelio Zucchi
VIAGGIO IN V CLASSE
C h r o n o s - Il Filo

ISBN 88-7842-576-1
9 7 8 8 8 7 8 4 2 5 7 6 7
Euro 14,00


Data di creazione: 17/12/2007 @ 21:17
Ultima modifica: 17/12/2007 @ 21:17
Categoria: 5) Scrittori amici e recensioni volumi


Anteprima di stampa Anteprima di stampa     Stampa l'articolo Stampa l'articolo

Sostieni il Circolo

ISCRIZIONI AL CIRCOLO 2017

QUESTO PORTALE HA UN COSTO DI GESTIONE SIA FINANZIARIO CHE DI IMPEGNO PERSONALE PER I RESPONSABILI DEL CIRCOLO CHE LO GESTISCONO.

CHI CI VOLESSE AIUTARCI POTREBBE ISCRIVERSI AL CIRCOLO VERSANDO LA QUOTA ANNUALE DI 10,00 EURO.

UN ALTRO SISTEMA PER CONTRIBUIRE ALLA COSTITUZIONE DI UN FONDO PER LA GESTIONE DEL CIRCOLO E' QUELLO DI ACQUISTARE I MIEI PRIMI LIBRI DI POESIE ("La sabbia negli occhi" e "Ad Occhi chiusi - Poesie d'amore"). IL 20% DEL COSTO DI COPERTINA (10 euro il primo e 15 il secondo) SARA' DEVOLUTO ALLA CASSA DEL CIRCOLO.

LA QUOTA DI ISCRIZIONE SARA' UNA RISORSA POSITIVA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA' DEL CIRCOLO E LA CORRISPONDENTE SOMMA POTRA' ESSERE DEDOTTA DALLA QUOTA DI LETTURA RICHIESTA A COLORO CHE PARTECIPERANNO ANNUALMENTE AL BANDO LETTERARIO.

Salvatore Armando Santoro - Presidente

Ricerca



Newsletter
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter. L'iscrizione implica l'aver preso visione e accettato l'Informativa sulla Privacy
Iscriviti
Cancella l'iscrizione
867 Iscritti

Su