Il Circolo

Chiudi 1) L'Associazione

Chiudi 10) LINK AMICI

Chiudi 11) LE INTERVISTE DEL CIRCOLO

Chiudi 12 - MANIFESTAZIONI ORGANIZZATE DAL CIRCOLO

Chiudi 2) 4° Bando Letterario Città di Montieri 2008

Chiudi 2) 5° Bando Letterario Città di Montieri 2009

Chiudi 2) Bando Città di Montieri - Gli Sponsor - Dove alloggiare

Chiudi 2) Bando Città di Montieri - Gli Sponsor esterni

Chiudi 2) Bando Città di Montieri 2007

Chiudi 2) Bando Letterario Città di Montieri 2011

Chiudi 2) Bando Letterario: Come arrivare a Boccheggiano

Chiudi 2) Finalisti Bandi anni precedenti

Chiudi 3) BANDI ARTISTICI E VARIE

Chiudi 3) BANDI LETTERARI INTERNAZIONALI

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI - Finalisti

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI IN VERNACOLO

Chiudi 3) PORTALI DI CONCORSI LETTERARI

Chiudi 4) La Stampa ed il Circolo: dicono di noi

Chiudi 5) SCRITTORI AMICI - Volume di Poesie di Santoro

Chiudi 5) Scrittori amici e recensioni volumi

Chiudi 5) Scrittori amici e recensioni volumi

Chiudi 6) Artisti amici del Circolo

Chiudi 6) CRITICO I CRITICI - Carta dei diritti Internet

Chiudi 6) CRITICO I CRITICI - di Santoro Salvatore Armando

Chiudi 7) WEEKEND DI POESIA

Chiudi 8) Saggi e Recensioni

Chiudi 9) PERSONAGGI

Chiudi Avvenimenti e manifestazioni

Chiudi BANDO LETTERARIO INTERNAZIONALE DI POESIA, NARRATIUVA E SAGGISTICA VERETUM

Chiudi LA PAGINA DELLA POESIA: Selezione delle migliori poesie italiane di autori famosi e di dielttanti

Chiudi LETTERATURA ITALIANA - Dizionario etmologico

Chiudi METRICA E DINTORNI

Chiudi POESIA CONTEMPORANEA

Chiudi POESIA DEL NOVECENTO ITALIANO

Chiudi TUTTE LE POESIE DI SANTORO

Chiudi Tatti: un vecchio borgo, una dolce poesia.

LETTURA ITALIANA E STRANIERA, INFORMATICA E VARIE
Visite

   visitatori

   visitatori in linea

POESIA DEL NOVECENTO ITALIANO - Moretti - "Le prime tristezze" - Come l'avrei scritta io

COME L'AVREI SCRITTA IO

(A cura di Salvatore Armando Santoro)

 

LE PRIME TRISTEZZE

di Marino Moretti

 

Ero un fanciullo, andavo a scuola, e un giorno

dissi a me stesso: “Non ci voglio andare”

e non andai. Mi misi a passeggiare

solo soletto fino a mezzogiorno.

 

E così spesso. A scuola non andai

che qualche volta da quel triste giorno.

Io passeggiavo fino a mezzogiorno

e l’ore… l’ore non passavan mai.

 

Però il rimorso m'opprimeva il cuore

in quella triste libertà perduto,

e qual ansia, mio Dio, d’esser veduto

dal signor Monti, dal signor dottore!

 

Pensavo alla mia classe, al posto vuoto,

al registro, all’appello (oh il nome, il nome

mio nel silenzio) e mi sentivo come

proteso su l’abisso dell’ignoto.

 

E mi spingevo fin verso i giardini

od ai vïali fuori di città;

e mi chiedevo: “Adesso, chi sarà

interrogato, Poggi o Poggiolini?”.

 

O fra me ripetevo qualche brano

di storia (Berengario, Carlo Magno,

Rosmunda) ed era la mia voce un lagno

ritmico, un suono quasi non umano.

 

E quante volte domandai

l’ora a un passante frettoloso ed era

nella richiesta mia tanta preghiera!

Ma l’ore… l’ore non passavan mai.

 

Chi mi darà, chi mi darà quell’ore

così perdute dell’infanzia mia?

Non tu, non tu che tanta nostalgia

e tanto affanno mi ridesti in cuore,

 

non tu, non tu che la tua fronte chini

per tacermi una lacrima o il pensiero

ch’è su la soglia del tuo ciglio nero

e nemmen Poggi e nemmen Poggiolini.

 

 

TESTO ORIGINALE

 

 

LE PRIME TRISTEZZE

di Marino Moretti

 

Ero un fanciullo, andavo a scuola, e un giorno

dico a me stesso: “Non ci voglio andare”

e non andai. Mi misi a passeggiare

solo soletto fino a mezzogiorno.

 

E così spesso. A scuola non andai

che qualche volta da quel triste giorno.

Io passeggiavo fino a mezzogiorno

e l’ore… l’ore non passavan mai.

 

Così il rimorso teneva il mio cuore

in quella triste libertà perduto,

e qual ansia, mio Dio, d’esser veduto

dal signor Monti, dal signor dottore!

 

Pensavo alla mia classe, al posto vuoto,

al registro, all’appello (oh il nome, il nome

mio nel silenzio) e mi sentivo come

proteso su l’abisso dell’ignoto.

 

E mi spingevo fin verso i giardini

od ai vïali fuori di città;

e mi chiedevo: “Adesso, chi sarà

interrogato, Poggi o Poggiolini?”.

 

O fra me ripetevo qualche brano

di storia (Berengario, Carlo Magno,

Rosmunda) ed era la mia voce un lagno

ritmico, un suono quasi non umano.

 

E quante volte domandai

l’ora a un passante frettoloso ed era

nella richiesta mia tanta preghiera!

Ma l’ore… l’ore non passavan mai.

 

Chi mi darà, chi mi darà quell’ore

così perdute dell’infanzia mia?

Non tu, non tu che tanta nostalgia

e tanto affanno mi ridesti in cuore,

 

non tu, non tu che la tua fronte chini

per tacermi una lacrima o il pensiero

ch’è su la soglia del tuo ciglio nero

e nemmen Poggi e nemmen Poggiolini.

 


Data di creazione: 01/11/2012 @ 14:45
Ultima modifica: 01/11/2012 @ 15:01
Categoria: POESIA DEL NOVECENTO ITALIANO


Anteprima di stampa Anteprima di stampa     Stampa l'articolo Stampa l'articolo

Sostieni il Circolo

ISCRIZIONI AL CIRCOLO 2017

QUESTO PORTALE HA UN COSTO DI GESTIONE SIA FINANZIARIO CHE DI IMPEGNO PERSONALE PER I RESPONSABILI DEL CIRCOLO CHE LO GESTISCONO.

CHI CI VOLESSE AIUTARCI POTREBBE ISCRIVERSI AL CIRCOLO VERSANDO LA QUOTA ANNUALE DI 10,00 EURO.

UN ALTRO SISTEMA PER CONTRIBUIRE ALLA COSTITUZIONE DI UN FONDO PER LA GESTIONE DEL CIRCOLO E' QUELLO DI ACQUISTARE I MIEI PRIMI LIBRI DI POESIE ("La sabbia negli occhi" e "Ad Occhi chiusi - Poesie d'amore"). IL 20% DEL COSTO DI COPERTINA (10 euro il primo e 15 il secondo) SARA' DEVOLUTO ALLA CASSA DEL CIRCOLO.

LA QUOTA DI ISCRIZIONE SARA' UNA RISORSA POSITIVA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA' DEL CIRCOLO E LA CORRISPONDENTE SOMMA POTRA' ESSERE DEDOTTA DALLA QUOTA DI LETTURA RICHIESTA A COLORO CHE PARTECIPERANNO ANNUALMENTE AL BANDO LETTERARIO.

Salvatore Armando Santoro - Presidente

Ricerca



Newsletter
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter. L'iscrizione implica l'aver preso visione e accettato l'Informativa sulla Privacy
Iscriviti
Cancella l'iscrizione
867 Iscritti

Su