Il Circolo

Chiudi 1) L'Associazione

Chiudi 10) LINK AMICI

Chiudi 11) LE INTERVISTE DEL CIRCOLO

Chiudi 12 - MANIFESTAZIONI ORGANIZZATE DAL CIRCOLO

Chiudi 2) 4° Bando Letterario Città di Montieri 2008

Chiudi 2) 5° Bando Letterario Città di Montieri 2009

Chiudi 2) Bando Città di Montieri - Gli Sponsor - Dove alloggiare

Chiudi 2) Bando Città di Montieri - Gli Sponsor esterni

Chiudi 2) Bando Città di Montieri 2007

Chiudi 2) Bando Letterario Città di Montieri 2011

Chiudi 2) Bando Letterario: Come arrivare a Boccheggiano

Chiudi 2) Finalisti Bandi anni precedenti

Chiudi 3) BANDI ARTISTICI E VARIE

Chiudi 3) BANDI LETTERARI INTERNAZIONALI

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI - Finalisti

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI IN VERNACOLO

Chiudi 3) PORTALI DI CONCORSI LETTERARI

Chiudi 4) La Stampa ed il Circolo: dicono di noi

Chiudi 5) SCRITTORI AMICI - Volume di Poesie di Santoro

Chiudi 5) Scrittori amici e recensioni volumi

Chiudi 5) Scrittori amici e recensioni volumi

Chiudi 6) Artisti amici del Circolo

Chiudi 6) CRITICO I CRITICI - Carta dei diritti Internet

Chiudi 6) CRITICO I CRITICI - di Santoro Salvatore Armando

Chiudi 7) WEEKEND DI POESIA

Chiudi 8) Saggi e Recensioni

Chiudi 9) PERSONAGGI

Chiudi Avvenimenti e manifestazioni

Chiudi BANDO LETTERARIO INTERNAZIONALE DI POESIA, NARRATIUVA E SAGGISTICA VERETUM

Chiudi LA PAGINA DELLA POESIA: Selezione delle migliori poesie italiane di autori famosi e di dielttanti

Chiudi LETTERATURA ITALIANA - Dizionario etmologico

Chiudi METRICA E DINTORNI

Chiudi POESIA CONTEMPORANEA

Chiudi POESIA DEL NOVECENTO ITALIANO

Chiudi TUTTE LE POESIE DI SANTORO

Chiudi Tatti: un vecchio borgo, una dolce poesia.

LETTURA ITALIANA E STRANIERA, INFORMATICA E VARIE
Visite

   visitatori

   visitatori in linea

news.gifNews

28.4.2014 - Milano -Hotel Ala d'oro - Operazione Salvataggio di Savatore Giannellla - da Salvatore Armando Santoro

Operazione Salvataggio: gli eroi dell'arte


Lunedì 28 aprile,  ore 21.00
Sala Conferenze Hotel Ala d'Oro


SALVATORE GIANNELLA
“Operazione Salvataggio”
(Milano, Chiarelettere, 2014)
Introduce Carmine Della Corte
Sarà presente l’autore

Un libro da leggere come un romanzo fatto di tante storie emozionanti e vere: il salvataggio delle opere d'arte in tempo di guerra. Le avventure di eroi che hanno combattuto con coraggio una loro guerra per salvare un patrimonio che appartiene alla civiltà dei popoli. La storia di Pasquale Rotondi che salvò i principali capolavori d'arte durante la Seconda guerra mondiale, premiato dal presidente della Repubblica Azeglio Ciampi. La storia di Tony Clarke, l'ufficiale americano che salvò la Resurrezione di Piero della Francesca e la città di San Sepolcro. La storia di Pérez Rubio e Josep Renauche salvarono i tesori del Prado durante la guerra civile spagnola. La storia dello svizzero Bucherer-Dietschiche ha salvato i tesori d'arte dell'Afghanistan nel suo piccolo museo svizzero restituendoli poi al governo attuale. La storia dell'italiana Donatella Cavazzali che sta recuperando le opere d'arte nella ex Iugoslavia dopo la guerra in Bosnia. La storia di Roberto Malini, un italiano che ha salvato le opere d'arte fatte nei lager dai deportati.

Caffè Letterario di Lugo

SALA CONFERENZE - HOTEL ALA D'ORO


Via Matteotti, 56 - 48022 Lugo di Romagna - (Ravenna) - Italia
Per Informazioni : 0545 22388 -
claudio@aladoro.it


Nella foto, Salvatore Giannella


giannella.jpg

 

 

 


Festival Palabra en el Mundo 2014 - da Salvatore Armando Santoro

festival20141.jpg

Parte de Paz (3)

fip palabra en el
mundo
festival internacional de poesía en todas partes !
VIII edición - del 12 al 25 de mayo del 2014

 

Vorto en la mondo, Palavra no mundo, Parola nel Mondo, Worte in der Welt, Rimayninchi l lapan llaqtapi , Paràula in su Mundu, Cuvânt în Lume, Parole dans le Monde, Ordet i verden, Word in the world, Palabra no mundo, Ñe ’ê arapýre , Paraula en el Món, Chuyma Aru, Koze nan lemond, Kelma fid-dinja, Milá baolam, Nagmapu che dungu, Tlajtoli ipan tlaltikpaktli, Vort in Velt, Dünyada kelime, lhamet ta íhi honhát, Titzaa Yeezii Loyuu, Dunyoda so’z, Слово вмире, Pallabra nel mundu, Hitza Munduan, T'aan yóok'ol kaab
La poesía
como acción poética universal
por la paz


Las derrotas y los triunfos
Si damos una mirada somera a la historia, veremos que hay más acciones de violencia y guerras que acciones de poesía y de Paz, si miramos las estatuas que resisten el acoso de las palomas en el mundo, constaremos la presencia de algunos miserables y muchos de estos monumentos están dedicados a personajes vistiendo uniforme. El ser humano no avanza mucho espiritual y moralmente hablando. Hasta la fecha tiene más valor ser persona de armas que persona de alma. Un educado para matar puede ganarse la vida sin hacer otra cosa que estar listo para matar. Un escritor, un poeta (salvo uno de diez mil) no puede ganarse su vida con este noble oficio.

Y sin embargo la vida reclama a cada instante un cambio de conducta, un cambio de relaciones entre los seres humanos, este cambio pasa por la cultura y por la poesía como gestos de vida.

Es en las derrotas donde o crecemos o perecemos. Hoy es el tiempo de crecer, en lo ético, en lo profundo humano, en lo moral.

Ahí vemos los ejemplos de la poca gente de mala leche que asume la tarea nefasta de traicionar el sentido de lo humano, pues para ellos valen más las cifras a favor que la felicidad humana.

Pero no solo de pan vive el hombre, dicen que dijo un justo. En este sentido hay que atreverse a mirar de frente los ojos fríos de la muerte. En Trujillo un compañero logró que la Orquesta sinfónica de la ciudad compusiera un himno al Festival, ese año este mismo compañero financió con sus recursos la impresión de mil afiches del Festival y participaron casi todas las escuelas, después de esos logros se impuso el silencio. En Valparaíso una compañeros creyó que esto era un asunto de intercambio, cuando en realidad se trata de un Festival local le lecturas en todas partes. En Xalapa dos compañeros se desligaron del Festival, pues allí el año pasado, según nos dicen ellos, participó un policía como organizador de una lectura. Son las derrotas que no empañan los triunfos y de ellos cada cual sabe lo logrado en su lugar bajo el sol.

Lo central es entender es que somos seres humanos, a veces inconstantes, a veces contradictorios, a veces enemigos de nosotros mismos, pero aún así, avanzamos cuando logramos unir fuerza por algo que nos supera como seres individuales y nos proyecta hacia los demás. Los nuevos triunfos son y serán el que logremos sumar algunas decenas de miles de poetas leyendo sus creaciones, algunos cientos de miles de personas escuchando emocionadas, algunos miles de organizadoras y organizadores de un Festival que acontece en todas partes y se expresa en muchos idiomas.

Un milagro multiplicado
En el anterior Parte de Paz pedíamos un milagro, ya sabe que se produjeron tres, antes no teníamos Afiche, ahora tenemos el de este Festival el del IX y el del X Festival. Ahora nos falta multiplicar los panes en la forma de superar los dos mil eventos. Por ello pedimos un milagro en cada lugar donde se asume el Festival, para que el mismo se afiance en cada lugar y alcance vuelo propio.

El ser y estar en diversos idiomas
Cada idioma es una manera de acercarse a la realidad, es parte de la identidad y en cierto modo forma y es formado por la cultura a la que pertenece. Hay idiomas en que existe solo el ser, hay idiomas en que existiendo el ser no es necesario decirlo, pues basta hablar para ya serlo. En español moderno, es decir el idioma que se habla en España y los numeroso pueblos de América Latina y algunos de África, modernizado con los aportes de todos, somos y estamos, somos para lo permanente o lo que dura más en el tiempo, y estamos para lo pasajero, lo efímero, lo cambiante a mayor velocidad.

¿Qué tiene que ver esto con el Festival Palabra en el mundo? Pues que en muchos idiomas somos lo que somos en cada lugar y estamos en dos semanas unidos por un afán ferviente de Arte, Paz y Poesía. Nuestro logro mayor es superarnos a nosotros mismos y con ello posibilitar que el mundo sea el mundo que hemos imaginado.

El programa
Aunque sea de perogrullo volvemos a insistir en que nos envíen los datos completos, lo pedimos de forma urgente para armar el programa general antes del inicio del Festival.
país:
ciudad:
lugar exacto:
día y hora:
Organizadores:
Poetas participantes:
Coordinador para Palabra en el mundo y mail de contacto:
Apoyos de:

Vernos en México
Ya les hemos enviado la documentación del VI Congreso SUR con la intención de que se sientan invitados e interpelados a participar. Volvemos a insistir todas y todos son bienvenidas y bienvenidos. Lo que pretendemos lograr es una organización de nuevo tipo, que sea la suma del quehacer de cientos de miles, que sea una red de trabajo cultural, que sea una herramienta y una estrategia de cambio cultural, que sea fuerza moral y en los asuntos humanos marque rumbos y señale los cambios de paradigma. En otras palabras simple y complejo. Ser para estar, estar para ser creadores desarrollando todo nuestro potencial creador.

Nota final
Ya tenemos certificado, mañana lo enviamos.


Un abrazo emocionado


Tito Alvarado

p. el equipo de coordinación Fippeem

 


Scandicci - 29.3.2014 - Ore 10,30 - Auditorium Martini - Biblioteca - - da Salvatore Armando Santoro

Scandicci Sabato 29 marzo, alle ore 10,30

Auditorium M.A. Martini - Biblioteca

Presentazione della pubblicazione dedicata al CRISTO DI SAN VINCENZO A TORRI, una bellissima scultura in legno policromo di autore ignoto, databile fra il 1210 e il 1225.

Introduce e coordina GENNARO ORIOLO, Presidente della Commissione Cultura del Comune di Scandicci.

Interverranno: RENATO STOPANI, geostorico, MARCO GAMANNOSSI, storico dell'arte, MARIANO INGHILESI, esegeta, FABRIZIO VANNI, Centro Studi Romei e il Presidente della Pro Loco SAN VINCENZO A TORRI COLLINE SCANDICCESI LORENA RASPANTI.

 


Giorno de Ricordo - 10 Febbraio 2014 - Una poesia ricorda un evento doloroso della storia italiana. - da Salvatore Armando Santoro

GIORNO DEL RICORDO A COLLEFERRO (Roma)

Il Comune di Colleferro ha utilizzato una poesia di un amico del Circolo "Mario Luzi", per commemorare un avvenimento doloroso della passata storia italiana ed europea. Si tratta di un componimento dell'amico Armando Bettozzi di Roma, che pubblica prevalentemente sul portale www.poetare.it, gestito da un altro caro amico, Il Prof. Lorenzo De Ninis, componente della Giuria del Bando Letterario Europeo di Poesia e Narrativa Città di Montieri e, prossimamente, anche del Bando Letterario "Veretum" in allestimento a Patù (Lecce).

L'importanza di questa decisione non sta solo nel contenuto della composizione, ma anche nel fatto che un Comune utilizzi la poesia come messaggera di pace. Ancora una volta, quindi, la poesia diventa strumento per la trasmissione di certi valori di fratellanza e di solidarietà tra le genti.

Ad Armando Bettozzi, un abbraccio affettuoso da parte del nostro Circolo per il contributo che, senza cercarlo e senza ostentazioni, ha dato alla diffusione del messaggio poetico nel mondo.

Savatore Armando Santoro - Webmaster

 bettozzimanifesto1.jpg


DAVID GRASSI - "L'OBBEDIENZA NON E' PIÙ UNA VIRTU'" (Don MiIani) - da Salvatore Armando Santoro

L'ufficiale che rifiutò di inquinare il mare

 

David Grassi2Un ufficiale di Marina si oppone allo sversamento in mare di liquidi oleosi inquinanti e viene sottoposto a sanzioni e costretto al congedo. Lui ha combattuto nelle aule giudiziarie e oggi racconta la sua storia.

 

 

Fonte: Il Tirreno. Abbiamo deciso di rilanciare l'articolo comparso sul quotidiano toscano Il Tirreno perchè racconta una storia che dice molto di questa Italia con cui oggi ci ritroviamo a fare i conti. E la riportiamo anche per dare conto dell'esistenza di persone come David Grassi, che speriamo possano essere tantissime e trovare il coraggio di farsi sentire.
David Grassi
LIVORNO. Invece di abbassare la testa e obbedire rispondendo: «Signorsì, signore», ha guardato il superiore negli occhi e ha risposto: «No, signor capitano, questo non lo possiamo fare. E se lo dovesse fare lei, sappia che ho già fatto delle foto e alcuni filmati che invierò a chi di dovere, anche alla stampa se necessario, per denunciare quello che è successo a bordo».

 

L'ordine che l'ufficiale David Grassi, insieme ad altri due colleghi, si è rifiutato di eseguire e che ha cambiato la sua vita per sempre, era quello di sversare in mare migliaia di litri di liquidi oleosi, provenienti dal motore, che si erano accumulati nella sentina; in barba alla tutela dell'ambiente, al rischio inquinamento e al regolamento internazionale che prevede, anche per le navi militari, di svuotare le sostanze inquinanti nel porto più vicino e con l'intervento di una ditta specializzata.

Era il 23 febbraio 2002 e l'allora tenente di vascello nato a Oristano ma residente da 4 anni a Livorno, aveva appena compiuto 30 anni, era imbarcato sulla nave da guerra "Maestrale" impegnata nella missione Eduring Freedom nel corno d'Africa. E soprattutto pensava che le battaglie più importanti le avrebbe combattute in mare, non certo nelle aule di un tribunale, tantomeno per riavere indietro la propria dignità dopo essere stato condannato - per quel «No» - a 15 giorni di arresto e a una macchia che ne ha pregiudicato la carriera fino al congedo, avvenuto due anni fa.

Invece la guerra civile dell'ufficiale ambientalista è durata 12 anni, un quarto della sua esistenza, e si è conclusa con una (parziale) vittoria: il Tar di Genova, tribunale al quale si era rivolto per far sentire valere le proprie ragioni, giovedì scorso ha cancellato quella sanzione disciplinare ma non gli ha riconosciuto il risarcimento danni che aveva chiesto tramite il proprio avvocato.

David Grassi1«In questo lasso di tempo - racconta Grassi che adesso lavora come ingegnere civile e nel tempo libero allena i ragazzi di atletica e basket della Libertas Livorno - ho perso molte cose, sia a livello personale, familiare e professionale. Ma tornando indietro rifarei quello che ho fatto, forse non proprio tutto. Ma certamente non ubbidirei a quell'ordine. Perché? Perché è in certe situazioni che vieni fuori chi sei davvero, da dove vieni, e i valori che ti hanno insegnato i tuoi genitori. E in quel momento non potevo far altro che comportarmi in quel modo senza abbassarmi alle prepotenze ma reagendo con coscienza. Eppure, dico anche che l'affetto e l'attaccamento nei confronti della Marina Militare non sono mai cambiati. Nonostante tutto continuo a credere che le persone nelle quali mi sono imbattuto siano una minoranza e che quel tipo di mentalità sia in via di estinzione».

Fonte articolo: http://www.ilcambiamento.it/inquinamenti/inquinareilmare.html, http://iltirreno.gelocal.it/livorno/ricerca?person=david+grassi

 

OLTRE ALLA RIABILITAZIONE AVREBBE DIRITTO ALLA REINTEGRAZIONE NEL SUO POSTO DI LAVORO, ALLA RICOSTRUZIONE DELLA CARRIERA ED UNA MEDAGLIA D'ORO A VALOR CIVILE. MA LE MASSIME AUTORITA' DELLO STATO HANNO ALTRE PREOCCUPAZIONI A CUI PENSARE: LE LARGHE INTESE (Stranamente questa espressone mi ricorda le famiglie allargate.... qui è tutto un allargare...di cosa ci stupiamo più?)


StartPrecedente10 Pagine precedenti [ 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 ] 10 Pagine successiveSuccessivoFine
Sostieni il Circolo

ISCRIZIONI AL CIRCOLO 2018

QUESTO PORTALE HA UN COSTO DI GESTIONE SIA FINANZIARIO CHE DI IMPEGNO PERSONALE PER I RESPONSABILI DEL CIRCOLO CHE LO GESTISCONO.

CHI CI VOLESSE AIUTARCI POTREBBE ISCRIVERSI AL CIRCOLO VERSANDO LA QUOTA ANNUALE DI 10,00 EURO.

UN ALTRO SISTEMA PER CONTRIBUIRE ALLA COSTITUZIONE DI UN FONDO PER LA GESTIONE DEL CIRCOLO E' QUELLO DI ACQUISTARE I MIEI PRIMI LIBRI DI POESIE ("La sabbia negli occhi" e "Ad Occhi chiusi - Poesie d'amore"). IL 20% DEL COSTO DI COPERTINA (10 euro il primo e 15 il secondo) SARA' DEVOLUTO ALLA CASSA DEL CIRCOLO.

LA QUOTA DI ISCRIZIONE SARA' UNA RISORSA POSITIVA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA' DEL CIRCOLO E LA CORRISPONDENTE SOMMA POTRA' ESSERE DEDOTTA DALLA QUOTA DI LETTURA RICHIESTA A COLORO CHE PARTECIPERANNO ANNUALMENTE AL BANDO LETTERARIO.

Salvatore Armando Santoro - Presidente

Ricerca



Newsletter
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter. L'iscrizione implica l'aver preso visione e accettato l'Informativa sulla Privacy
Iscriviti
Cancella l'iscrizione
868 Iscritti

Su