Il Circolo

Chiudi 1) L'Associazione

Chiudi 10) LINK AMICI

Chiudi 11) LE INTERVISTE DEL CIRCOLO

Chiudi 12 - MANIFESTAZIONI ORGANIZZATE DAL CIRCOLO

Chiudi 2) 4° Bando Letterario Città di Montieri 2008

Chiudi 2) 5° Bando Letterario Città di Montieri 2009

Chiudi 2) Bando Città di Montieri - Gli Sponsor - Dove alloggiare

Chiudi 2) Bando Città di Montieri - Gli Sponsor esterni

Chiudi 2) Bando Città di Montieri 2007

Chiudi 2) Bando Letterario Città di Montieri 2011

Chiudi 2) Bando Letterario: Come arrivare a Boccheggiano

Chiudi 2) Finalisti Bandi anni precedenti

Chiudi 3) BANDI ARTISTICI E VARIE

Chiudi 3) BANDI LETTERARI INTERNAZIONALI

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI - Finalisti

Chiudi 3) BANDI LETTERARI ITALIANI IN VERNACOLO

Chiudi 3) PORTALI DI CONCORSI LETTERARI

Chiudi 4) La Stampa ed il Circolo: dicono di noi

Chiudi 5) SCRITTORI AMICI - Volume di Poesie di Santoro

Chiudi 5) Scrittori amici e recensioni volumi

Chiudi 5) Scrittori amici e recensioni volumi

Chiudi 6) Artisti amici del Circolo

Chiudi 6) CRITICO I CRITICI - Carta dei diritti Internet

Chiudi 6) CRITICO I CRITICI - di Santoro Salvatore Armando

Chiudi 7) WEEKEND DI POESIA

Chiudi 8) Saggi e Recensioni

Chiudi 9) PERSONAGGI

Chiudi Avvenimenti e manifestazioni

Chiudi BANDO LETTERARIO INTERNAZIONALE DI POESIA, NARRATIUVA E SAGGISTICA VERETUM

Chiudi LA PAGINA DELLA POESIA: Selezione delle migliori poesie italiane di autori famosi e di dielttanti

Chiudi LETTERATURA ITALIANA - Dizionario etmologico

Chiudi METRICA E DINTORNI

Chiudi POESIA CONTEMPORANEA

Chiudi POESIA DEL NOVECENTO ITALIANO

Chiudi TUTTE LE POESIE DI SANTORO

Chiudi Tatti: un vecchio borgo, una dolce poesia.

LETTURA ITALIANA E STRANIERA, INFORMATICA E VARIE
Visite

   visitatori

   visitatori in linea

news.gifNews

Un augurio per Natale: la pace è possibile! - da Francesco Galgani

Alle amiche e agli amici del Circolo desidero regalare un messaggio che non sia il solito augurio di circostanza per le feste, ma un augurio concreto di pace nella propria vita.

La pace non è mera tranquillità, non è assenza di conflitto, né assenza di problemi: la pace è innanzitutto qualcosa che nasce da noi e che si concretizza nel nostro modo di relazionarci al mondo che ci circonda.

Pace, rispetto, armonia, sviluppo, realizzazione... sono aspirazioni di ogni essere umano e di ogni società. Il 24 dicembre di quest’anno saranno passati 100 anni dalla tregua di Natale che ebbe luogo in Belgio durante la Prima Guerra Mondiale. Riporto, qui di seguito, un'immagine che ho realizzato oggi per questa occasione (che fa parte della mia Galleria dell'Amore), con a seguire un video che è parte di un progetto portato avanti da un'organizzazione interreligiosa.

Buon Natale a tutti,
Francesco Galgani
(Componente del Direttivo del Circolo Culturale Mario Luzi)

(Clicca sull'immagine per ingrandirla)


Le più belle poesie sulla sera - da Salvatore Armando Santoro

 

LE PIU' BELLE POESIE DI TUTTI I TEMPI SULLA SERA

(E scusatemi se mi ci infilo anch'io, ma il mio sonetto non è da meno)

 

LA SERA DEL DI' DI FESTA

(Di Giacomo Leopardi)


Dolce e chiara è la notte e senza vento,
E queta sovra i tetti e in mezzo agli orti
Posa la luna, e di lontan rivela
Serena ogni montagna. O donna mia,
Già tace ogni sentiero, e pei balconi
Rara traluce la notturna lampa:
Tu dormi, che t’accolse agevol sonno
Nelle tue chete stanze; e non ti morde
Cura nessuna; e già non sai né pensi
Quanta piaga m’apristi in mezzo al petto.
Tu dormi: io questo ciel, che sì benigno
Appare in vista, a salutar m’affaccio,
E l’antica natura onnipossente,
Che mi fece all’affanno. A te la speme
Nego, mi disse, anche la speme; e d’altro
Non brillin gli occhi tuoi se non di pianto.
Questo dì fu solenne: or da’ trastulli
Prendi riposo; e forse ti rimembra

In sogno a quanti oggi piacesti, e quanti
Piacquero a te: non io, non già, ch’io speri,
Al ensier ti ricorro. Intanto io chieggo
Quanto a viver mi resti, e qui per terra
Mi getto, e grido, e fremo. Oh giorni orrendi
In così verde etate! Ahi, per la via
Odo non lunge il solitario canto
Dell’artigian, che riede a tarda notte,
Dopo i sollazzi, al suo povero ostello;
E fieramente mi si stringe il core,
A pensar come tutto al mondo passa,
E quasi orma non lascia. Ecco è fuggito
Il dì festivo, ed al festivo il giorno
Volgar succede, e se ne porta il tempo
Ogni umano accidente. Or dov’è il suono
Di que’ popoli antichi? or dov’è il grido
De’ nostri avi famosi, e il grande impero

Di quella Roma, e l’armi, e il fragorio

Che n’andò per la terra e l’oceano?
Tutto è pace e silenzio, e tutto posa
Il mondo, e più di br non si ragiona.
Nella mia prima età, quando s’aspetta
Bramosamente il dì festivo, or poscia
Ch’egli era spento, io doloroso, in veglia,
Premea le piume; ed alla tarda notte
Un canto che s’udia per li sentieri
Lontanando morire a poco a poco,
Già similmente mi stringeva il core.

 

PARAFRASI DELLA SERA DALLA DIVINA COMMEDIA

(Di Dante Alighieri)

-Purgatorio: canto VIII° - versi 1-6

  

Era già l’ora che volge il disio 

   ai navicanti e ’ntenerisce il core

lo dì c’han detto ai dolci amici addio;


e che lo novo peregrin d’amore

punge, se ode squilla di lontano

che paia il giorno pianger che si more;

 

 LA MIA SERA

(Di Giovani Pascoli)
 

Il giorno fu pieno di lampi;
ma ora verranno le stelle,
le tacite stelle. Nei campi
c'è un breve gre gre di ranelle.
Le tremule foglie dei pioppi
trascorre una gioia leggiera.
Nel giorno, che lampi! che scoppi!
Che pace, la sera!
Si devono aprire le stelle
nel cielo sì tenero e vivo.
Là, presso le allegre ranelle,
singhiozza monotono un rivo.
Di tutto quel cupo tumulto,
di tutta quell'aspra bufera,
non resta che un dolce singulto
nell'umida sera.
E', quella infinita tempesta,
finita in un rivo canoro.
Dei fulmini fragili restano
cirri di porpora e d'oro.
O stanco dolore, riposa!
La nube nel giorno più nera
fu quella che vedo più rosa
nell'ultima sera.
Che voli di rondini intorno!
Che gridi nell'aria serena!
La fame del povero giorno
prolunga la garrula cena.
La parte, sì piccola, i nidi
nel giorno non l'ebbero intera.
Nè io ... che voli, che gridi,
mia limpida sera!
Don ... Don ... E mi dicono, Dormi!
mi cantano, Dormi! sussurrano,
Dormi! bisbigliano, Dormi!
là, voci di tenebra azzurra ...
Mi sembrano canti di culla,
che fanno ch'io torni com'era ...
sentivo mia madre ... poi nulla ...
sul far della sera.

 

ALLA SERA

(Di Ugo Foscolo)

 

Forse perché della fatal quïete
Tu sei l'imago a me sì cara vieni
O sera! E quando ti corteggian liete
Le nubi estive e i zeffiri sereni,

E quando dal nevoso aere inquïete
Tenebre e lunghe all'universo meni
Sempre scendi invocata, e le secrete
Vie del mio cor soavemente tieni.

Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme
che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
questo reo tempo, e van con lui le torme
 

Delle cure onde meco egli si strugge;
e mentre io guardo la tua pace, dorme
Quello spirto guerrier ch'entro mi rugge.

 (Sonetto classico)


ALLA SERA

(Di Salvatore Armando Santoro)


T'aspetto, oh sera, tacito t'aspetto

quando il tramonto tutto il cielo oscura

allora il vuoto e il nulla invade il petto

sale, col buio, l'ansia e la paura.


E lo sconforto scende giù dal tetto

mi sento intrappolato in quattro mura,

sudato mi rigiro dentro il letto

ed analizzo la mia vita impura.


A Lei vo' col pensiero dolcemente,

immagino che sia una cara amica

che mi venga a trovare sorridente


e con parole tenere mi dica

di sgombrare ogni ansia dalla mente,

che sorte e cielo più non maledica.


Poi tacito e sereno a lei m'affido

in un mondo di quiete alfin confido.


(sonetto ritornellato)

 

(Donnas 16.4.2013 - 9,54)


27 Settembre 2014 - Premiazione finalisti 1° Bando Letterario Veretum - da Salvatore Armando Santoro

Manifesto_-_portale.jpg
 

 1° Bando Internazionale di Poesia e Narrativa 2014 Veretum

organizzato dalla Pro Loco di Patù e dal Circolo Culturale Mario Luzi di Boccheggiano-Montieri (GR) con il patrocinio della Regione Puglia, della Provincia di Lecce e del Comune di Patù (LE) e di Montieri (GR)

 

PREMIAZIONE IL GIORNO 27 SETTEMBRE 2014 ALLE ORE 18,30

PRESSO IL SALONE DELLE MANIFESTAZIONI DI PALAZZO LIBORIO ROMANO

 

 

SEZIONE POESIA

 

1° CLASSIFICATO

 

Armando Bettozzi di Roma

 

con le poesie in vernacolo “ Er contrappasso infernale” e “La scoperta der sèsso”

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

2° CLASSIFICATO ex aequo

 

Ilaria Parlanti di Chiesina Uzzanese (PT)

 

con le poesie “ O sole Morente”

 

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

2° CLASSIFICATO ex aequo

 

Daniela Lazzeri di Torino

 

con la poesia “ L'uomo che guardava passare i treni"

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

3° Classificato e 1.a Segnalazione di Merito

 

Mario Di Nicola di San Giovanni Teatino (CH)

 

con la poesia “ Gennaio 1976”

 

 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

4° Classificato e 2.a Segnalazione di Merito

 

Gaetano Catalani di Nicastro (CZ)

 

con la poesia in vernacolo “Comu hjùhhju i ponenti ”

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

5° Classificato e 3.a Segnalazione di Merito

 

Vito Cassiano di Tricase (LE)

 

con la poesia “Aurora”

 

 

 

6° Classificato e 4.a Segnalazione di Merito

 

Leo Damiano di Ceglie Messapica (BR)

 

con la poesia “Vlora”

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

7° Classificato e 5.a Segnalazione di Merito

 

Paola Bianchi di Roma

 

con la poesia in vernacolo “L'anni”

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

  

1.a Segnalazione Speciale

 

Protopapa Maria Teresa di Gallipoli (LE)

con la poesia “Valore”

 

 

2° Segnalazione Speciale

 

Sabino Zaza

con la poesia in vernacolo “Le traine”

 

 

3° Segnalazione Speciale

 

Samuel Labianca di Trinitopoli (BA)

 

con la poesia “Libero”

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

 4.a Segnalazione Speciale

 

Salvatrice Motta di Belvedere di Siracusa

 

con la poesia “Pensare...”

 

 

5.a Segnalazione

 

Elisabetta Freddi di Cesano Senigallia (AN)

 

con la poesia in vernacolo “Tre magg dumlaquattordici”

 

 

1.a Segnalazione

 

Enzo Farina di Dasà (VV)

 

con la poesia “Resteranno solo le rondini”

 

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

2° Segnalazione

 

Greta Cipriani di Cerchio (AQ)

 

con la poesia “Maternità”

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

3.a Segnalazione

 

Miriam De Michele di Napoli

 

con la poesia “Come se all'orizzonte”

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

4.a Segnalazione

 

Aurelia Tieghi di Medicina (BO)

 

con la poesia “Salento”

 

 

Diploma Circolo Mario Luzi su tematica antica Veretum

 

alla poetessa Maria Cosi di Patù (LE)

 

con la poesia “La collina di Vereto”

 

 

Segnalazione Pro Loco e Circolo Luzi

 

Santi Cardella di Palermo

 

con la poesia “Quella conchiglia”

 

 

 

5.a Segnalazione

  

Giovanni Sasso – Giorgio Tedesco – Fabrizio Vernich – Classse 3.a Sez. C -

 

Studenti Ist. Compr. Polo1 Scuola Primaria Giovanni XXIII° di Nardò (LE)

 

con la poesia “Piazza Salandra”

 

 

 

Segnalazione Proloco e Circolo Luzi

Studenti Ist. Compr. Polo1 Scuola Primaria Giovanni XXIII° di Nardò (LE)

 

Greta Allocca e Melissa Inglese – Classe 3.a Sez. D -

con la poesia “In soffitta”

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Premio di Merito della Pro Loco e del Circolo Luzi

 

a Giovanna Li Volti Guzzardi di Melbourne (Australia)

 

Presidente Accademia Letteraria Italo-Australiana Scrittori (ALIAS)

con la poesia “Il canto della pace”

 

Per il suo impegno teso a diffondere e far conoscere la cultura Italiana in Australia

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Premio alla scolara più giovane estero

 

Christian Chiara (9 anni) di Melbourne

 

con la poesia “La musica”

 

 

Diploma di Partecipazione alla studentessa

 

Mia Marsicovetere di Melbourne

 

con la poesia “Magia”

 

 

Diploma di Partecipazione alla studentessa

 

Martina Minutoli di Melbourne

 

con la poesia “Scruffy – Il mio cane”

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Diploma di Partecipazione allo studente

 

Sebastiano De Nuccio di Patù (Lecce)

 

quale concorrente più giovane di Patù.

 

 

 

 

Diploma di Partecipazione allo studente

 

Lorenzo Barone di Matino (LE)

 

quale concorrente giovane di Matino

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

 

SEZIONE NARRATIVA

 

 

1.a CLASSIFICATA ex-aequo

 

Arianna Bordoni di Roma

 

con le poesie il racconto “Ho goduto il mare”

 

 

1.a CLASSIFICATA ex-aequo

 

Caterina Tagliani di Sellia Marina (CZ)

 

con il racconto ”Una rosa rossa”

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

2.a Classificata

 

Ilaria Parlanti di Chiesina Uzzanese (PT)

 con il racconto "Le strane mattine di Allie"

 

--
 

3.a Classificata

Cosi Maria di Patù (LE)

 

con il racconto “Confidenze nello scaffale”

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

4.a Classificata e 1.a Segnalazione di Merito

 

Diletta Giaquinto di Patù (LE)

 

con il racconto “Alice”

  

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

5° Classificato e 2° Segnalazione di Merito

 

Walter Cassiano di Monte Porzio Catone (RM)

 

con il racconto “A pochi passi da Vereto”

 

 

 

1.a Segnalazione concorrente più giovane di Patù

 

alla Studentessa Chiara Maggio

 

con il racconto “Sheridan”

 

 

2.a Segnalazione Studenti Estero

 

David Aprile di Melbourne

Studente Gisborne Secondary College

Victorian School Language

 

con il racconto “La mia vita nel 1838”

 

 

DIPLOMI DI MERITO SARANNO ASSEGNATI ALLE INSEGNANTI:

 

  • ANNA GUIDO (ED ALL'ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 1 GIOVANNI XXIII°) DI NARDÒ (LE)

  • ALESSANDRA CORBINO, GIUSY GALBO E MARIA NESCI DI MELBOURNE ( AUSTRALIA)

 

CHE HANNO INCORAGGIATO E SOSTENUTO LA PARTECIPAZIONE DEGLI STUDENTI ALLA MANIFESTAZIONE.

 

COMPONENTI DELLA GIURIA:

 

SALVATORE ARMANDO SANTORO – Presidente della Giuria

Poeta, scrittore, saggista, Presidente e webmaster del portale www.circoloculturaleluzi.net di Boccheggiano (GR)

 

ELISABETTA COMASTRI – Spoleto (PG)

docente di lettere, poetessa, scrittrice e attrice teatrale

 

LORENZO DE NINIS di Lignano Sabbiadoro (UD)

docente di lettere in pensione, poeta e webmaster del portale www.poetare.it

 

GIULIO MAFFII - Firenze

già direttore delle collane poetiche delle Edizioni “Il Foglio” di Piombino, saggista, traduttore ed esperto della poesia del 900.

 

PINA PETRACCA – Surano (LE)

insegnante, poetessa e Vice Presidente della Pro Loco di Surano

 

VIVIANA VIVIANI - Bologna

ingegnere, giornalista, pubblicista e scrittrice.

 

A TUTTI I FINALISTI I COMPLIMENTI DEL CIRCOLO CULTURALE MARIO LUZI DI BOCCHEGGIANO CHE HA CURATO L'ORGANIZZAZIONE TECNICA DEL BANDO.

 

 


2014 - 11 Ottobre - Teatro Risorti - Commemorazione centenario Luzi a Buonconvento - da Salvatore Armando Santoro

Luzi-Centenario_Buonconvento.jpg


CONCLUSO IL CONGRESSO ESPERANTO NEL TRENTINO - da Salvatore Armando Santoro

Fai della Paganella, 81° Congresso Italiano di esperanto

Amicizia transnazionale senza interpreti

 

Fai della Paganella, bellissima cittadina a mille metri di altitudine in provincia di Trento, località turistica e stazione sciistica d’inverno e località fresca (quest’anno anche troppo) d’estate, ha ospitato dal 23 al 30 agosto l’81° Congresso Italiano di Esperanto, il cui tema era “Esperanto kaj novaj teknologioj”, l’esperanto e le nuove tecnologie.

In tutta la città si è vissuta per una settimana l’atmosfera esperantista (Esperanta medio): striscioni, manifesti, indicazioni in esperanto e il popolo esperantista, con al collo la targhetta identificativa con il logo dell’esperanto, che affollava i locali. C’erano persino commercianti che ti salutavano in esperanto: Bona tagon, Buon giorno.

La regione Trentino ha pubblicato per l’occasione due opuscoli in esperanto, l’uno per l’estate (Trentino: somera deziro, Trentino: desiderio d’estate), l’altro per il periodo invernale (Granda neĝo por granda ferio, Grande neve per una grande vacanza). E c’è perfino un commerciante che ha creato una nuova, pregiata, birra, artigianale, che ha un nome esperantista, Malsimpatiula, l’antipatica, perché il suo soprannome è L’Antipatico.

Il Congresso si è aperto sabato 23. Dopo l’accoglienza dei congressisti, quasi trecento (220 prenotati piú gli iscritti sul posto), provenienti praticamente da tutto il mondo, Americhe, Asia e Australia comprese, benché si trattasse dell’annuale congresso italiano e non di quello internazionale. Mancava solo l’Africa, in quanto gli esperantisti africani che avevano prenotato non sono riusciti ad avere il visto in tempo. Sabato pomeriggio la Santa Messa in esperanto e poi l’interkona vespero, la serata di reciproca conoscenza. Domenica, inaugurazione ufficiale. Dopo i saluti dei rappresentanti del comune, della provincia e della regione, ha tenuto il discorso inaugurale l’ungherese Stefan MaGill, tema: Perspektivoj por Esperanto, hodiaŭ, Prospettive per l’esperanto, oggi.

Poi hanno portato i loro saluti i rappresentanti delle varie associazioni settoriali esperantiste e dalle associazioni nazionali. C’era anche qualcuno venuto dall’Ucraina e la rappresentante, nel porgere il suo saluto, ha concluso con le parole Paco, paco, paco, Pace, pace, pace.

Una settimana densissima di eventi, di convegni, di incontri. Ma anche, per chi non era interessato ai lavori, ogni giorno escursioni – scegliendo fra quelle di mezza giornata e quelle dell’intera giornata – nelle bellissime località del Trentino.

Nel corso della giornata, di ogni giornata, attività di vario genere si susseguivano e si sovrapponevano anche, in modo che ognuno poteva optare per l’una o per l’altra: presentazione di libri, conferenze su temi specifici, corsi di esperanto, di base per principianti, o di approfondimento, convegni su vari temi, ecc.

Sempre funzionante il libroservo, sevizio librario, con ogni tipo di libri in esperanto o sull’esperanto. E poi diverse mostre. In particolare quella di materiale d’epoca, fino al 1950 (riviste, cartoline, locandine, curiosità varie), tutto materiale di notevole interesse. Una rivista del 1930 ha la testata UŜE (Esperantistoj realigu UŜE – Unuiĝintaj Ŝtatoj de Eŭropo, Esperantisti realizzate l’UŜE, Stati Uniti d’Europa), anticipando una grande aspirazione dei decenni successivi, fino ad oggi. Il titolo di apertura della rivista recita, con espressione latina, “Quo vadis Eŭropo?” (Dove vai Europa?).

La sera, ogni sera, c’erano rappresentazioni teatrali in esperanto (Terura sonĝo, Un sogno terribile; Feliĉas ĉiuj? Tutti felici?) o concerti di canzoni, tutte in esperanto, tenuti da bravi cantanti (Ĵak Le Puil, JoMo, Campanil Bas). E dalle 23 in poi, programmi per i giovani a suon di musica, balli e scorpacciate di prodotti tipici locali.

Il congresso si è chiuso venerdí 29, con l’appuntamento a San Benedetto del Tronto (AP), per l’82° Congresso Italiano di Esperanto, che si terrà dal 22 al 29 agosto 2015.

Amerigo Iannacone


StartPrecedente [ 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ] 10 Pagine successiveSuccessivoFine
Sostieni il Circolo

ISCRIZIONI AL CIRCOLO 2018

QUESTO PORTALE HA UN COSTO DI GESTIONE SIA FINANZIARIO CHE DI IMPEGNO PERSONALE PER I RESPONSABILI DEL CIRCOLO CHE LO GESTISCONO.

CHI CI VOLESSE AIUTARCI POTREBBE ISCRIVERSI AL CIRCOLO VERSANDO LA QUOTA ANNUALE DI 10,00 EURO.

UN ALTRO SISTEMA PER CONTRIBUIRE ALLA COSTITUZIONE DI UN FONDO PER LA GESTIONE DEL CIRCOLO E' QUELLO DI ACQUISTARE I MIEI PRIMI LIBRI DI POESIE ("La sabbia negli occhi" e "Ad Occhi chiusi - Poesie d'amore"). IL 20% DEL COSTO DI COPERTINA (10 euro il primo e 15 il secondo) SARA' DEVOLUTO ALLA CASSA DEL CIRCOLO.

LA QUOTA DI ISCRIZIONE SARA' UNA RISORSA POSITIVA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA' DEL CIRCOLO E LA CORRISPONDENTE SOMMA POTRA' ESSERE DEDOTTA DALLA QUOTA DI LETTURA RICHIESTA A COLORO CHE PARTECIPERANNO ANNUALMENTE AL BANDO LETTERARIO.

Salvatore Armando Santoro - Presidente

Ricerca



Newsletter
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter. L'iscrizione implica l'aver preso visione e accettato l'Informativa sulla Privacy
Iscriviti
Cancella l'iscrizione
868 Iscritti

Su